Reiki

I CINQUE PRINCIPI REIKI
1) Non essere adirato
2) Non ti preoccupare
3) Sii grato
4) Lavora sodo (su di te)
5) Sii gentile verso i tuoi simili

La parola Reiki è di origine giapponese ed è composta da due sillabe: Rei e Ki.

La prima – Rei – significa “qualcosa di misterioso, miracoloso e sacro”. Essa sta ad indicare l’Energia primordiale (Divina); è quell’energia

che esisteva ancor prima della creazione dell’universo, il principio divino dal quale è scaturito il Big Bang e che ha portato alla creazione dell’universo in tutte le sue manifestazioni (Ki).

La seconda – Ki – significa “atmosfera” o “qualcosa che non si vede” o anche “l’energia dell’universo”. Tale termine indica l’Energia Vitale Universale intrinseca ad ogni essere e/o cosa. Il Ki permette ad ogni cosa di esistere e agli esseri viventi di vivere; è l’energia che regola il funzionamento stesso dell’Universo. Ki è il corrispondente del Chi per i cinesi, del Prana per gli indù, Luce o Spirito Santo per i cattolici, etc.

Benefici del Reiki:

– Riporta nel giusto equilibrio l’energia individuale – Favorisce la salute ed il benessere a livello fisico, emotivo, mentale e spirituale.

– Attiva un processo globale di guarigione naturale per eliminare le tossine, alleggerire i dolori acuti e cronici, rigenerare i tessuti.

– Riattiva e fortifica il sistema endocrino, linfatico, circolatorio, urinario e digerente.

– Rivitalizza il sistema nervoso e neurovegetativo e rafforza il sistema immunitario.

– Libera dallo stress, favorisce il rilassamento psicofisico portando uno stato di profondo buonumore.

– Innesca un processo di guarigione nel nostro corpo e nella nostra mente donando amore, gioia, salute attraverso il contatto con le mani.

Il trattamento di Reiki viene svolto sul lettino da massaggio e ha una durata di circa un’ora.

Per chi desiderasse diventare Operatore di Reiki Metodo Usui, organizzo Seminari di Primo, Secondo e Terzo Livello (Master) a Roma. 

Torna su